Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Ott 18, 2017 in Uncategorized |

Sarzana d’estate: non solo eventi ufficiali

Cos’è che distingue l’offerta turistica di una città da quella collettiva? Non sono solo gli eventi organizzati dall’amministrazione comunale a poter fare colore; non possono essere soltanto le manifestazioni in cartellone a dare la giusta atmosfera che spinge i visitatori ad addentrarsi tra le vie e le viuzze di una cittadina, ad andarsene portandola nel cuore come un ricordo speciale e a far nascere l’irresistibile desiderio di tornare al più presto. La città di Sarzana è ben consapevole di tutto questo, perché la stagione estiva che si sta per concludere, per quanto gli appuntamenti che devono ancora venire sono numerosi e di alta qualità, non è stata impreziosita soltanto dagli appuntamenti organizzati all’amministrazione comunale e diventati ormai una piacevole routine. C’è stata “Sarzana in soffitta”, il mercatino dell’antiquariato che ormai attira tantissimi appassionati e semplici curiosi da ogni dove; quasi ogni sera piazzetta De Andrè è stata animata da artisti e musicisti che si sono avvicendati sul palco-monumento dedicato al grande e indimenticato cantautore genovese. Durante “Sarzana a tavola” si è strizzato un occhi a tutti gli amanti ella buona cucina, con un’offerta enogastronomica capace di soddisfare ogni palato; e anche tutti gli appassionati di arte e cultura hanno trovato pane per il loro denti con le tante manifestazioni della Calandriniana e con “Zura Zura”. Ma, come dicevamo, non sono solo gli eventi che creano l’atmosfera: sono soprattutto le botteghe del posto, che aprendo le loro vetrine e inventando qualcosa di nuovo e straordinario colorano di inusuale anche i gesti più quotidiani e danno un calore nuovo a tutte le strade. Ad esempio, c’è da segnalare la singolare iniziativa presa da due botteghe di barbiere del centro di Sarzana, che hanno deciso di spalancare le loro porte fino a ora tarda offrendo un ambiente raffinato ed elegante e persino un intrattenimento musicale. Da una parte il “Kult Parrucchieri & Barber Shop” di via Bertoloni hanno dato ospitalità a quanti sentivano la necessità di effettuare un ritocchino a barba e capelli sulle note blues di “Gas & Harpo”, che davanti al locale strimpellavano le loro note in una inusitata fusione di parrucchieria e arte musicale. Dall’altra, in via Castruccio l’Antica Barberia di Giorgio e Gianni ha optato per il jazz e per il suono sofisticato del violino, che ha intrattenuto gli ospiti venuti a farsi servire fino alla mezzanotte. Sembra che queste due iniziative prese dagli imprenditori locali siano state estremamente apprezzate, tanto che sono nate leggende metropolitane persino di persone completamente calve che, pur di poter usufruire di un servizio così speciale, sono entrate in barberia per farsi dare una lucidata alla pelata! Ma le iniziative prese dai commercianti al fine di animare anche le vie più periferiche, quelle che normalmente restano fuori dai circuiti dei grandi eventi che attirano gente, sono state anche molte altre. Ad esempio, via Bertoloni è stata addobbata a festa con lanterne e luci, e sono stati organizzati diversi angoli di intrattenimento con presentazioni di libri, distribuzione di sangria e l’immancabile musica diffusa un po’ ovunque. Anche il ristorante “Il Cantinone” ha sposato l’usuale servizio ai tavoli con un concerto dal vivo del “Duo blues”; e ancora tanti erano gli artisti di strada che animavano le vie. E, come dicevamo, la stagione sarzanese è ben lungi dall’essersi conclusa: nelle prossime settimane prenderanno il via il Festival della Mente e quello più goliardico della Mentina, e c’è grande attesa per la mostra di Hélène de Beauvoir. Ci sono insomma ancora tante occasioni per gustare Sarzana e la sua accoglienza davvero unica.